Archivi tag: 2CV

Qui comincia l’avventura

“Ici commence l’aventure…” è il titolo di una rara brochure edita dal dipartimento delle Pubbliche Relazioni di Citroën, guidato all’epoca dal vulcanico Jacques Wolgensinger.

Questo volumetto di una trentina di pagine raccoglie tutte le istruzioni, i consigli e le specifiche dettagliate delle modifiche da fare alla propria Citroën per affrontare serenamente le insidie dei deserti o delle paludi africane.

Redatta sulla scorta delle esperienze accumulate nei grandi raid di massa della prima metà degli anni ’70, come la Parigi-Persepoli, la Parigi-Kabul ed il Raid Afrique, questa brochure è un concentrato di trucchi e soluzioni semplici e geniali.

Ne abbiamo ritrovata una copia oltre quelle che abbiamo in archivio ed è disponibile per gli appassionati sul nostro E-Shop, qui: http://www.archiviostoricocitroen.info/public/prodotto/ici-commence-laventure/

E’ nuova, dell’epoca, perfetta perché conservata tra altre brochure tecniche negli archivi di Citroën Italia.

Gli appassionati non se le lascino sfuggire.

I manuali tecnici delle bicilindriche citroën dal 1963 a fine produzione

Il Centro Documentazione ha fatto riprodurre la coppia di manuali tenici italiani che coprono tutte le bicilindriche prodotte dal 1963 al 1990: 2CV, AMI, DYANE, AZU/AK, ACADIANE, MEHARI, escluse AMI SUPER e MEHARI 4×4 che hanno testi specifici.

I due manuali, assieme, sono in offerta a 30 euro più spese di spedizione sul nostro e-Shop, facendo click QUI.

«L’archivio»/1: I libretti della 2CV

Inizia oggi la nuova video rubrica del mercoledì che vi porta alla scoperta delle produzioni e dei ritrovamenti del nostro Centro Documentazione.

Oggi vi presentiamo il nostro lavoro per la riproduzione dei libretti uso e manutenzione delle 2CV prodotte dal 1981 a fine produzione, Charleston incluse.

Il libretto delle sole Spécial dal 1981 a fine produzione
Il libretto delle Spécial e delle Charleston, fino a fine produzione

Questa settimana (dal 1° al 7 luglio) a chi acquista un libretto della 2CV verrà inviata in omaggio una custodia originale Citroën in tessuto rosso e nero.

Bertoni: l’uomo che ha disegnato citroën

Può sembrare azzardato come titolo, anche perché non l’ha fatto da solo, ma le tre auto iconiche (termine oggi abusato ma che in questo caso calza a pennello) del Double Chevron, quelle che guardandole da lontano vien da dire “ecco una Citroën”, le ha disegnate lui.

Prima il restyling delle Rosalie, indispensabile in attesa della nuova Traction Avant, poi… la Traction Avant, suo capolavoro scolpito in una notte. Quindi il lavoro di riprogettazione della 2CV, progetto da cui l’avevano escluso perché “non dev’essere bella”, ma poi era brutta davvero.

La DS19, progettata tra il 1938 ed il 1955, ma in realtà scolpita in un blocco di gesso in poche ore, una domenica mattina. Infine la sua “preferita”: l’auto pensata per essere una piccola DS, ma costruita sul pianale della 2CV, comoda per quattro, con tanti bagagli: l’AMI6.

Scultore, pittore, architetto e car designer, è l’uomo che più di ogni altro ha segnato lo stile della Marca del Double Chevron.

Vi proponiamo due libri per conoscerlo meglio, ne abbiamo poche copie quindi approfittate.

Questo è FLAMINIO BERTONI edito da Macchione nel ’97

E questo è “AUTO DI IERI NEL MITO DI OGGI“, gli atti del convegno su Flaminio Bertoni tenutosi al Museo a lui dedicato nel febbraio 2008.

Eccovi una presentazione dei due volumi:

Tre poster Citroën

Il Centro Documentazione, in occasione dei 50 anni della Méhari e dei 70 della 2CV, ha fatto tirare 20 copie di due storiche affiches Citroën ed ha realizzato un poster dedicato alla 2CV Charleston.

I poster sono stati stampati partendo dalle trasparenze originali e non dalla scansione di poster esistenti, per questa ragione la qualità delle immagini è eccellente, priva dell'”effetto neve” tipico delle riproduzioni.

I tre poster sono disponibili sul nostro E-Shop a questo indirizzo: http://www.archiviostoricocitroen.info/public/categoria-prodotto/pst/?orderby=date

Il fascino del deserto

Il deserto è un luogo bellissimo e terribile allo stesso tempo: affascinante per i suoi inconsueti panorami, mortale se affrontato senza una preparazione accuratissima.

André Gustave Citroën, arrivò a pensare ad una “Compagnia Transaharina”, una sorta di linea di autobus che altro non erano che i suoi cingolati a brevetto Kegresse (approfondisci QUI e QUI con i testi di Walter Brugnotti pubblicati su Autologia.net).

L’operazione fu bloccata poco prima del suo lancio, ma le carovane delle Crociere Bianca e Nera (ed in parte anche la Gialla) attraversarono i deserti africani e quelli dell’Asia ben prima delle gioiose colonne di 2CV impegnata nei raid dei primi anni ’70.

Ma il deserto non è solo un posto dove andare a divertirsi o dove sfidare le proprie paure: è una tragedia per il Pianeta, è la vittoria della morte sulla vita, della siccità sull’eutrofia.

Oggi, 17 giugno, si celebra la giornata mondiale contro la desertificazione. Facciamo un gesto concreto con una donazione a chi si occupa di assistere le popolazioni che giorno dopo giorno vedono il deserto avanzare sopra alle proprie colture, perdendo quel poco che basterebbe a sostentarli.

Basta fare un giro su questo sito: http://www.medicisenzafrontiere.it/cosa-facciamo/azione-medico-umanitaria