Citroën DS: il cadeau delle feste

Per tutti gli appassionati dei modelli Citroën ID, D e DS, il Centro Documentazione ha confezionato una strenna molto particolare: abbiamo raccolto i nostri lavori dedicati a questi modelli, dal libro Citroën DS, une Histoire d’Amour alle ultime copie del calendario DS 2018, passando per la guida all’acquisto (con i numeri di telaio, le combinazioni colore ed i “trucchi” per chi vuole valutare una DS) e le riproduzioni di tre la più belle brochure dell’epoca.
Abbiamo aggiunto tre foto di grande formato (circa 33x33cm), diverse per ogni scatola ed abbiamo racchiuso il tutto in prezioso bauletto in legno naturale, personalizzato con il profilo della vostra DS.

Solo dieci pezzi disponibili, sul nostro e-shop, qui: http://www.archiviostoricocitroen.info/public/prodotto/citroen-ds-il-cofanetto-finale/

La Dea della Triennale

Quanti di conoscono questa immagine?

Si tratta della DS19 esposta esattamente sessant’anni fa alla Triennale di Milano del 1957, montata su un piedistallo e carenata nella parte inferiore, un lavoro curato da Citroën Italia sotto la direzione dell’ingegner Camillo Saini, allora direttore tecnico della filiale italiana.

La vettura fu esposta nello spazio dedicato alla Francia e si aggiudicò il premio della giuria come “opera d’arte industriale”, provocando il disappunto di Flaminio Bertoni che tante volte aveva inviato le sue sculture alla Triennale e che mai era riuscito a vederne una esposta.

Quell’anno, Flaminio arrivò in Italia per trascorrere il mese di agosto in compagnia dei suoi amici varesini e come di consuetudine passò da Milano a visitare la triennale. Quando trovò la “sua” DS19 esposta ebbe un tuffo al cuore, un secondo tuffo lo ebbe pochi secondi dopo, vedendo che alla base del piedistallo c’era scritto semplicemente “Citroën DS19” e del suo nome non v’era trraccia.

Dopo molti mesi passati a covare la rabbia (era un tipo decisamente collerico), prese carta e penna e scrisse alla Triennale, rivendicando la paternità della vetture esposta (e premiata) a Milano.

La risposta arrivò… da Parigi, più precisamente da Pierre Bercot che gli ricordò senza girarci troppo in torno che lui era semplicemente uno dei tanti “quadri” dell’azienda e nulla più.

Due anni più tardi, dopo aver girato l’Europa, la vettura fu donata al Museo dell’Automobile di Torino, da poco aperto nella splendida sede che occupa tutt’oggi, su un piedistallo più piccolo dov’era esposta comunque inclinata.

Successivamente, persa negli anni la carenatura, fu esposta in posizione normale per poi ritrovare pochi anni fa il suo slancio verso il cielo.

La potete vedere qui, in un filmato che abbiamo dedicato alla DS alla Triennale: https://www.youtube.com/watch?v=eH2IpRdcsI0